DESIREE MAURY, la straordinaria giovane mamma Venezuelana ricoverata in Italia per un tumore aspetta il trapianto di Midollo Osseo

DESIREE MAURI

-DONNE INCREDIBILI-

 
Ho conosciuto Desiree e Beca tramite instagram, mi hanno scritto appena hanno visto le foto della Body Positive Catwalk che ho realizzato a Milano raccontandomi del tumore.
Volevano essere parte di questo progetto e trasmettere la loro energia e positività verso la vita!
Più volte ho cercato di organizzare qualcosa con loro, ma gli impegni della malattia non sono prevedibili.
I primi di Maggio sento le ragazze per organizzare qualcosa verso metà mese, ma il ricovero di Desy era programmato per Lunedì 8, così tiriamo su il tutto in un paio d’ore di Sabato 6, incastrandoci tra altri mille eventi, ma direi che il risultato è stato OTTIMO!
Questo anche grazie al supporto del mio amore Paolo Patria e della bravissima fotografa Eleonora Mila che ha fatto un ottimo lavoro, oltre che essere una persona FANTASTICAAAA!
Ovviamente indossiamo gli abiti Wonderfull ed i miei The Love Curvy Bikini, perchè loro sono delle super #LBgirls !!!!
Come vedrete dalle foto e dal loro instagram, queste ragazze hanno il sole dentro!
Un’ energia ed una positività che coinvolgono e lasciano di stucco, soprattutto quando nella società moderna siamo abituati a perderci in un bicchiere d’acqua e tal volta anche a pensare che la vita non sia preziosa, dimenticando che possiamo fare tutto ciò che desideriamo…
GRAN CAXXATA!
 
Ti lascio all’incredibile storia di Desiree Maury, apri il tuo cuore ed i tuoi occhi!!!!
 

 

RACCONTAMI DI TE

Sono Desiree Maury, mamma di Ignacio, origine Venezuelana, 29 anni e 3 anni fa mi è stato diagnosticato il Linfoma Hodgkin.
Un tumore che colpisce il sistema immunitario, cresce nei linfonodi e per questo arriva poi a tutti gli organi.
 
Sono Venezuelana, ma conoscendo la situazione del mio paese, ho deciso di interrompere l’Università e di emigrare in Argentina, a Buenos Aires anche per il bene del figlio che portavo in grembo, Ignacio, che in questo momento è lì con le mie sorelle, ad aspettarmi.
E’ una situazione difficile, ma devo completare la mia cura, deve avere una mamma sana. 
Per fortuna la mia famiglia è stata molto forte, reagendo con la massima positività e standomi vicino; la mia mamma è qui con me a Candiolo durante questi mesi ed è una compagnia preziosa.
 

COME HAI SCOPERTO DI AVERE IL CANCRO? 

Era l’Ottobre del 2014.
Era tornata in Venezuela per soddisfare me stessa con un’operazione di chirurgia estetica del seno, invece, mi hanno diagnosticato il cancro che già da un’anno e mezzo cresceva dentro di me.
 
Ho dovuto iniziare subito con la Chemioterapia che mi ha bloccato a casa, ma questo non è da me, io sono una persona molto attiva.
Così, nonostante gli episodi alquanto fastidiosi dei pazienti soggetti a Chemio che colpivano anche me, ho deciso di riprendere gli studi dell’Università  iniziando l’ottavo mese di Comunicazione Sociale della Repubblica Bolivariana del Venezuela.
Con sforzo e dedizione sono riuscita a laurearmi portando come tesi una Pubblicità di sensibilizzazione verso la Malattia di Hodgkin – chi poteva farlo meglio di me? 
Mi sono concentrata soprattutto sul rendere noti i sintomi della malattia, così da poterne ricavare una diagnosi tempestiva.
 

COME HAI SCOPERTO IL CENTRO DI CURA DI CANDIOLO?

 
Grazie all’ATMO – Associazione Tumore Midollare Osseo del Venezuela gemellata con quella italiana, che da più di dieci anni dà la possibilità a tanti bambini, ma anche ragazzi e adulti venezuelani colpiti dalla leucemia anche con poche risorse economiche di curarsi in Italia e sottoporsi al trapianto di midollo osseo. 
 
In Venezuela la situazione è davvero insostenibile, sia per il costo delle medicine, che in generale per riuscire ad averle e molti dei malati non hanno la possibilità di un trapianto e sono destinati alla morte certa.
Questa fondazione nasce nel 1997, quando una donna, Mercedes Alvarez, ruscì grazie a tante mani solidali ad arrivare in Italia per curare la sua piccola nipotina e i tanti bambini che aveva conosciuto tra un riovero e l’altro, che mai avrebbero avuto la possibilità di sperare in un futuro.
 
Il mio medico mi ha messo in contatto con questa fondazione: avevo provato 4 diverse tipologie di Chemio per un totale di 24 cicli ed ancora la malattia era presente ed è arrivata a colpire anche le ossa. Avrei fatto qualsiasi cosa per essere sana, ma il costo di un trapianto qui in Venezuela era davvero alto.
Ho dovuto inviare lettere, chiamare, incontrare, inviare documenti e aspettare in una lista d’attesa pregare di essere tra i fortunati che andavano in Italia per ricevere il trapianto all’ IRCC di Candiolo.
 
Sono passati sei mesi di lunga attesa, senza nessun cenno, con la malattia che sempre più si impossessava delle mie ossa. Finalmente a Settembre 2018 mi hanno dato la buona notizia che il 12 Ottobre sarei stata ricoverata in Italia.
 
Avevo un forte dolore alle ossa, ma non resistetti a volare ancora una volta da Ignacio e dalle mie sorelle per una settimana d’amore prima di quella partenza.
 

ED ORA?

 
Sono stata ospite della Casa d’Accoglienza “La Madonnina” per sei mesi e finalemente questo Lunedì 8 Maggio è iniziato il ciclo di chemio prima del mio trapianto.
Sarò ricoverata per un mese intero nell’ospedale di Candiolo e prego di sopravvivere e tornare presto dal mio Ignacio.
 
 
Besos y abrazos. 
Desiree Maury 
 
 

#LBgirls in Paris – Castille Hotel

#LBgirls in Paris

Martedì 24-4-2018

Hotel Castille Paris – Stahotels Collezione

Quest’anno lo voglio dedicare a conoscere tutte voi che mi seguite, organizzare tanti eventi insieme e non smettere mai di ricordarvi e ricordarMI che possiamo realizzare tutto ciò che vogliamo.

Possiamo essere dolci e forti, romantiche e stronze, donne in carriera e mamme, fiere di noi e con tanta voglia di crescere sempre!

Non è più tempo di sentirci “Non Abbastanza” è giunto il momento di capire che in questa vita possiamo avere tanti bei momenti.

Ieri c’erano donne diverse per età, fisico o provenienza e storia. Italiane, francesi, tunisine, messicane, donne che nella vita hanno già fatto tanto, che si sono messe alla prova, che stanno per avere un figlio o lo stanno seguendo per il mondo, che hanno sconfitto il cancro e giorno dopo giorno ringraziano per la VITA.

Ringraziamo tutti perché vale davvero la pena viverla!

…In un Hotel così poi 🙈 eheh dovevo sdrammatizzare il pensiero filosofico, anche perché mi devo preparare per la cena!

Vi lascio a queste poche righe piene di felicità per l’avervi incontrato ragasssseee!!!!

Le mie #LBgirls in Paris

 

Due giorni a Parigi con Paolo e invece che fare i romantici, vogliamo incontrarvi anche qua!❤

Un’immenso grazie va assolutamente al Castille Hotel ed alla direttrice Alessandra Bragoli per averci accolto nel raffinato cortile di questo prestigio Hotel.

Siamo stati deliziati dalle leccornie preparate dallo Chef Sasha che insieme al suo superior Pablo Sabariego portano onore al ristorante dell’Hotel che interpreta l’esperienza culinaria di Ugo Alciati di cui vi raccontai già qualche mese fa, quando ci fece sognare con una cena da ricordare…e tra poche ore si replica!!!

Gnummyyy

Se vuoi farti venire l’acquolina guarda le foto che ci preparò ad Ottobre, sono proprio curiosa delle portate di stasera!

https://lovecurvy.com/paris-dinner-hotel-castille/

 

 

Grazie #LBgirls in Paris per aver partecipato!!!!

Christelle Bois, Yasmine Bahri, Loredana Bellini, Brigitta, Camila Fuentes, Laura Benech + super friend, Dany Rocchi + Mama, Veronica Verastra! 🌈

IG name : @danyrocchi @isotta63 @ama_christa @bh_yasmina @chguerin @lorabenti @brigitta.b.92 @verastra @chefsasha @alessandrabragoli @_paolo_patria_

FOLLOW @castille_paris on instagram 😍

Il mio Outfit?

 

Ho scelto di indossare gli abiti @wonderfullofficial creati dal mio super amore Paolo per questo evento.

Dapprima per paio di scatti con le modelle Dany Rocchi ed Andrea Boutin abbiamo sfoggiato gli abiti lunghi BRIGITTE a fiori per me e nero per Dany ed il MILLY per Andrea, dopo mi sono cambiata con il mio adorato SOFIA cipria con stampa orientale, per essere più casual, ma sempre “a modino”.

La direttrice Alessandra Bragoli ci ha lasciati tutti a bocca aperta con il suo Brigitte rosso geranio.

Clicca qui per scoprire il mondo WONDERFULL.

This is the best pics of our event:

#LBgirls in Paris

Pregi OK Pregiudizi AWAY

PREGI OK PREGIUDIZI AWAY

Questo è il nome della campagna di sensibilizzazione ideata insieme ad Andrea Pinna, più noto come “Le Perle di Pinna” che da anni ci fa ridere ed affezionare con le sue frecciatine sulla vita e sull’amore.

Ha iniziato con Facebook nel 2010 quando ha creato la sua prima pagina ironica sulla vita, chiamata appunto LE PERLE DI PINNA, in breve tempo i suoi gadget, magliette e vari con le sue scritte hanno spopolato, così che la Mondadori gli ha proposto di scrivere un libro e nello stesso anno è stato protagonista e vincitore (insieme a Coco) della più vista edizione di Pechino Express.

Oggi lo possiamo seguire tramite ogni social che desideriamo, personalmente le sue stories di Instagram sono la parte che preferisco!

Ho conosciuto Andrea durante uno spot per Stardust Italia e dire che mi é piaciuto è poco 😂 così, quando il 25 Febbraio ho organizzato la BODY POSITIVE CATWALK in Duomo a Milano, dove insieme ad altre trenta ragazze ci siamo “Spogliate dai Pregiudizi” rimanendo miande all’aria in piazza con un grado, ho invitato Andrea ad assistere e così è nata l’idea: “Perché non facciamo una campagna anti pregiudizi insieme?”

Eh si, perché per chi non lo sapesse Andrea è omossessuale ed arrivando da un piccolo paese della Sardegna, non è certo stato facile, ma del resto per chi lo è?

In circa 24 ore abbiamo messo su questo progetto che inizialmente doveva essere solo con me e lui nelle foto, ma poi, perché limitarsi?

Così ho cercato di integrare alcune altre figure, anche se ovviamente non sono presenti tutte le differenze del mondo eh, però è già un bel passo avanti! ❤

 

Così è nata la campagna:

Pregi OK Pregiudizi AWAY

caratterizzata dall’omonimo hastag

#pregiOKpregiudiziAWAY

 

Uomo o donna, gay o etero, alto o basso, magro o più grasso, bianco o nero…

MA STICAZZZIIIIIIII

 

Modellini per l’occasione oltre a me ed Andrea, Fabiana Pastorino, Luca Guagliardo ed Eveline Safawuua.

NO PREJUDICE!

Il tutto è stato scattato dal bravissimo fotografo di moda Giuseppe Circhetta, nell’ampissimo e luminosissimo studio Alzia192.

 

5 Followers hanno vinto la possibilità di assistere allo shooting e scattare la foto finale scrivendomi a lovecurvystaff@gmail.com 💕

@noralee @martavitiello @buuum_official @giada_borry  aka

Alice Ambrosini, Marta Vitiello, Buma, Giada Borello.

 

La truccatrice Claudia ci ha sistemati per bene ed è arrivato anche un buon vinello recapitatoci da Deliveroo che ha reso tutto ancor più divertente!

 

Ecco qualche scatto per il resto seguici su Instagram!

@leperledipinna

@lovecurvy__laurabrioschi

@bodypositivecatwalk

@curvyisnotacrime

 

Alessia Piaggi

Alessia Piaggi, alias BLONDY 🦄

Una storia travagliata che merita di essere raccontata e che dimostra che si può migliorare, uscire dal tugurio, sbocciare e diventare uno splendido fiore come Alessia Piaggi 💖

Instagram account @blondy2595

 

<<Mi chiamo Alessia Piaggi, soprannome Blondy, ho 22 anni e sono nata e cresciuta a Bologna.

Da piccola ero molto spensierata, ma da quando ho iniziato ad avere 11/12 anni, sono iniziati a sorgere i problemi.

Iniziavo a non piacermi perché tutte le mie compagne di classe sembravano sempre più avanti di me, sia come testa sia come fisico (soprattutto di fisico).

 

Dai 16 in avanti è stato un continuo degrado: mia nonna mi preparava dei panini per pranzo, ma io li davo ai miei compagni e tornavo a casa dicendo che lo avevo mangiato, cenavo con un kiwi e poi a nanna.

Nei giorni peggiori mi chiudevo in camera e davo pugni al muro sperando di rompermi le mani.

Ferivo la mia pancia perché è sempre stato un punto che odiavo.

Mi tagliavo le braccia…desideravo morire.

 

Oggi, grazie ai piccoli cambiamenti che stanno subentrando in questo mondo, ho finalmente sentito la forza di tirarmi su e reagire!

Con costanza e pazienza…se vuoi qualcosa la ottieni!

Grazie quindi davvero tanto anche a te Laura, perché da lontano mi hai aiutata! E non è cosa da tutti! Spero anche io di diventare come te, quindi sostenitrice della positività, e di far parte della tua campagna di bellezza! >>

 

Anche lei è stata una delle mie Eroine della BODY POSITIVE CATWALK!

È una storia forte quella di Alessia Piaggi, ma va raccontata per dimostrare che si può trovare il proprio sano equilibrio e tanti meravigliosi motivi PER VIVERE!

 

https://lovecurvy.com/body-positive-catwalk-duomo-milano/

La mia bellissima mamma indossa il mio The Love Curvy Bikini

Grazie MAMMA!

 

Oggi, 13 Maggio 2018 è la tua festa, la festa della mamma e ciò che più voglio dirti è GRAZIE!

 

Ma voglio dirti anche BRAVA!

Brava perché ad oggi che ho 28 anni posso solo vagamente immaginare cosa significhi avere una figlia a 23, non smettere mai di lavorare, trasferirsi lontano dalla propria famiglia, affrontare un divorzio, reinnamorarsi con tutte le conseguenze che questo porta, costruire una casa … sino ad arrivare tra alti e bassi ai tuoi 50 anni.

(Ne approfitto anche per dire che voglio molto bene sia al mio super Papà che a Doddino e che per tutto l’amore che mi date mi sento tanto fortunata!)

 

Comunque mamma, un anno fa ci hai fatto prendere un bel colpo, così come te lo sei presa tu, stavi male e non capivamo che cavolo ti stesse succedendo…

Il mistero rimane, ma perdinci bacco sono priorio ORGOGLIOSA di come ti sei rimessa in forma, essendo ad oggi radiosa come non ti vedevo da anni.

Non sono solo i 20 kg che hai perso (che ovviamente erano un bel fardello), non è solo la ginnastica che ti ha cambiato “di brutto” il corpo, ma è speciale la luce che trasmetti e l’energia che hai!

 

TI VOGLIO BENE MAMMA!

Sono felice che ti sei messa in gioco facendo da modellina per il mio THE LOVE CURVY BIKINI!

Per la prima volta davanti ad una camera fotografica, quella di Maurizio Pigliacampi, nella tappa unita tra la mia @BodyPositiveCatwalk ed il @PerfectlyImperfectTour di Giulia Accardi.

Hai dimostrato coraggio mettendo “a nudo” le imperfezioni che hai sempre detestato che siano lividi, cellulite o quel che da sempre ci fa paura.

SEI SUPER 😍

 

Ho creato THE LOVE CURVY BIKINI proprio con questo intento:

FAR SENTIR BENE LE DONNE,

TUTTE LE DONNE,

di qualsiasi età, forma e taglia,

PIÙ FORTI, CONSAPEVOLI E BELLE!

💃

Se anche tu vuoi sentirti così puoi trovarlo su www.laurabrioschi.com

 

NB la mia mamma indossa un prototipo di THE LOVE CURVY BIKINI corrispondente alla mia taglia, la sua taglia di reggiseno dovrebbe essere una in meno, come dice la tabella taglie, ovvero la S con coppa B-C invece che la M con coppa D-E 💕

 

Un abbraccio a tutte le donne!

Mamme, future mamme…e quelle che rimarranno eterne figlie 🌸

 

Con affetto,

Laura

Laura Brioschi Body Positive Project ❤️

Venerdì a Milano ho realizzato il mio primo servizio fotografico BODY POSITIVE Project di gruppo ed è stato bellissimo!

Un’altro evento no profit che segue con la stessa energia e potenza la @BodyPositiveCatwalk.

Troppe volte guardando instagram mi sono detta come vorrei che quell’azienda scegliesse me per un’iniziativa dove pelli quasi prive di make-up si mostrano, cosce di diverse dimensioni si scoprono, corpi di diversi colori si abbracciano…okay, dato che questo non succede, anche questa volta, LO REALIZZO IO!

E chissà che qualche brand non scelga questa campagna che unisce molti corpi, molte donne, ma una sola bellezza per promuovere il suo prodotto, così come all’estero hanno già fatto in molti, dalla cosmesi all’abbigliamento!

 

Desidero sempre più coinvolgere e conoscere ragazze sempre diverse con tante storie da raccontare. Questo è solo il primo “Laura Brioschi Project” ed ora con il lancio dei miei costumi @TheLoveCurvyBikini, cercherò di reclutare sempre più ragazze che desiderino far parte di un progetto, di un idea, in ogni taglia, colore, altezza per diventare le LOVE CURVY BIKINI GIRLS!

Se anche tu vuoi metterti in gioco scrivimi a lovecurvycasting@gmail.com e per aggiudicarti uno speciale sconto e l’accesso esclusivo alla Community scrivi a lovecurvybikini@gmail.com

 

Ringrazio tantissimo per la realizzazione di questo progetto il mio fotografo del cuore, il rinomato Giuseppe Circhetta e la Mua Lisa Lionello che ci ha coccolate e rese bellissime insieme alla sua collega Claudia Ricci.

 

Una parte dello shooting l’ho voluta dedicare a ciò che più ha segnato ognuna di noi nella sua vita, scrivendolo su di noi a caratteri netti e distinti come a dire, c’è stato questo (o in alcuni casi c’è), ma nonostante questo “MI SPOGLIO DAI PREGIUDIZI, li lascio cadere via e lontano da me e mi metto in gioco. Prendo in mano la mia vita, sono una donna forte!”

Come dice il mio motto ” Migliorati sempre, ma impara ad apprezzarti” e questo vale per ogni essere umano, in qualsiasi sesso, età, peso. Nel mio caso aggiungo #CURVYISNOTACRIME , perchè bisogna smettere di sentirsi in colpa per avere qualche chilo in più, bisogna prendere consapevolezza e darsi da fare per trovare il proprio SANO EQUILIBRIO.

Siamo noi, semplicemente noi. 

 

Ti racconterò di più di queste straordinarie ragazze nella rubrica WONDER WOMAN, di alcune uoi già leggere eed in fondo all’articolo ci sono i link a tutti i profili instagram ed una breve intro, intanto ecco le nostre foto!

 

 

SEGUICI SU INSTAGRAM!

 

🌈BODY POSITIVE PROJECT shot Friday whit some girls of @bodypositivecatwalk and some new babes! . We wrote on our skin a very important part of our past or present to prove that WE CAN BE STRONG, undressed to PREJUDICE❤ .

🇮🇹Abbiamo scritto sulla nostra pelle cosa ci ha segnati nel passato e nel presente per dimostrare che Possiamo essere forti nonostante i pregiudizi, basta “toglierseli di dosso”❤ Come @isabella_lardieri_ che per combattere la leucemia senza sottoporsi a chemio, si sottopone ad una terapia che la fa aumentare tantissimo di peso. @giorgia_bazzoli_yoga che troppe volte si è sentita “non abbastanza”. @kkquiton giovanissima mamma. @veronicaperez_curvy che ha perso oltre 20kg. @lafrivola che ha superato la depressione. @evelynesafaawua che si è fatta strada tra i pregiudizi per tanti tratti “differenti” e finalmente ha trovato la sua strada per creare qualcosa di meraviglioso. @lovecurvy__laurabrioschi (io) che ho sofferto di bulimia ed ho dovuto costruirmi un identita. @fabiana_pastorino , che per quando bella era sempre e comunque fuori dagli standard regolari ed ha sofferto moltissimo per questo. . Grazie super @giuseppecirchetta per aver supportato questo progetto. @LisaLionello e Claudia per il makeup!

Se vuoi candidarti per i prossimi progetti invia una mail a LOVECURVYCASTING@GMAIL.COM indicando nell’oggetto: CASTING e la tua provincia di appartenenza🌸

 

 

Un grandissimo abbraccio,

Laura

Giulia Zappalà

La prossima “eroina” Wonder Woman è Giulia Zappalà, altrimenti detta Giulia Koalina da me e Paolo, dopo che questo Novembre l’abbiamo incontrata durante l’evento a Milano nel negozio di Marina Rinaldi dove ci ha riempito tanto di abbracci e bacini quanto di selfie ❤

Quel primo incontro aveva gli occhi gonfi di lacrime che lasciavano scoperta tutta la sua vulnerabilità, ma è bastato poco per iniziare a prendere consapevolezza, si è fatta coraggio e mi ha chiesto di partecipare alla BODY POSITIVE CATWALK.

Il 25 Febbraio aveva di nuovo le lacrime agli occhi, ma questa volta dall’emozione di fare qualcosa per se che pochi giorni prima avrebbe creduto impossibile. Stava per svestirsi in Piazza Duomo, ma ancor più stava levando strato dopo strato le sue paure, si stava per SPOGLIARE DAI PREGIUDIZI 🦄

 

Instagram account : @giuliazappala_curvy

 

La mia piccina 😍

Ecco a voi Giulia Zappalà:

 

<<Ciao sono Giulia, ho 17 anni e sono di Milano.

Nella vita sono ancora una studentessa, ho studiato moda ed ora studio estetica per poi specializzarmi nel make up!

Il trucco mi ha aiutato a sentirmi più carina e a valorizzare i miei lineamenti!

 

Sin da quando ero piccola sono stata vittima di bullismo verbale dei miei compagni.

Alle medie le parole che sentivo ripetere più frequentemente nei miei confronti erano, “sei obesa”, “sei un facocero”, ero in continuazione sotto il giudizio degli altri!

Le prese in giro non erano solo sul fisico ma anche su cose molto personali, al suono di quelle parole non carine io abbassavo la testa, mi sentivo diversa!

Tendevo a isolarmi, a stare da sola fino a qualche anno fa.

 

Alle superiori ho incontrato tre persone fantastiche che mi hanno fatto capire che ero importante!

Ho sofferto e soffro di problemi alimentari…

Dopo la separazione del miei genitori sono molto spesso a casa da sola, per questo ho iniziato a mangiare molto di più, per noia!

Sono arrivata a pesare 91 kg!

Con varie diete sono riuscita a perdere molto peso, ma sono comunque in carne, sia perché mi piace mangiare, sia per costituzione!

Molti mi hanno accusato di interessarmi al mondo curvy solo per non sentirmi diversa, perché così vado bene, per non accettare la realtà di essere grassa, io invece penso di interessarmi al curvy per imparare a valorizzare le mie curve e per migliorare il mio corpo!

Ora come ora mi reputo una ragazza forte e solare, pronta ad affrontare ciò che verrà!

 

Brava Koalinaaa

Lucrezia Staiano Body Positive Catwalk Duomo

Lucrezia Staiano si racconta per la rubrica Wonder Woman di Lovecurvy.com

Ho conosciuto Lucrezia Staiano durante le riprese de “Il bello delle curve tv” che ho condotto insieme a Luca Calvani lo scorso Aprile 🦄

La sua carica e fragilità si sono distinte da subito e per questo appena mi ha scritto a lovecurvycasting@gmail.com per partecipare alla #BODYPOSITIVECATWALK non ho avuto dubbi, la volevo accanto a me!

Instagram account: @lafrivola

 

<<Ciao, sono Lucrezia Staiano e sono Calabrese. Vivo a milano, laureanda in Giurisprudenza (20 Aprile) e nel tempo libero mi godo la vita.

Ho deciso finalmente di farlo, dopo un lungo periodo in cui preferivo nascondermi. Ho 26 anni, e solo da due anni ho capito che non potevo vivere dietro l’ombra dei miei fantasmi.

Indosso una taglia 48, sono alta 1.80 e calzo un 43 di piedi. La domanda che mi fanno piu spesso è : ma quanto sei alta?

Da piccola la vivevo come un disagio, oggi invece sono fiera della mia altezza, della mia stazza, della mia diversità. Si, diversità, perchè nel 2017 essere sovrappeso, essere in carne, è un qualcosa di diverso; se vai in un negozio non trovi la tua taglia in quelle normali, ma nel reparto Curvy. Come se fosse una offesa. E invece no, è la normalità!

Raccontarsi non è mai facile, io ho evitato per anni di farlo. Ad oggi racconto fiera il mio percorso, lo condivido senza piu vergogna, ne parlo apertamente. Lo faccio forse per il bisogno inconscio di volermi sfogare, ma anche per aiutare chi sta vivendo lo stesso tormento, per essere vicina a chi ancora fa fatica ad accettarsi.

 

Vincere una delle puntate de “il bello delle curve tv” mi ha dato diritto di essere ambasciatrice del progetto di Barbara Christmann “Il calendario beautiful curvy.com” e questo per me è un onore.

 

È un progetto, un impegno, una volontà di condividere il messaggio, che ormai è il mio mantra:

Ogni donna è bella nella pelle, nelle forme, nelle imperfezioni, nei difetti che ha.

Ogni donna è bella con la propria taglia, ogni donna è insostituibile per la storia che ha vissuto.

 

Per alcuni leggere sofferenza, riferito al fisico, può sembrare esagerato, ma sfido a trascorrere estati al mare coperte, avere paura di camminare per strada e sentire qualche giudizio, specialmente durante l’adolescenza, quando ogni parola si ingigantisce.

Le offese non si dimenticano. Se ripenso ai miei 13-16 anni, mi viene in mente una ragazza, troppo alta, troppo grossa, con l’acne, la cellulite, i denti troppo piccoli e laghi, una ragazza che nessun ragazzo avrebbe corteggiato.

Mi sentivo inadeguata in ogni situazione, in ogni posto.

Non riuscivo a dimagrire e il mio rapporto con il cibo era disastroso.

Se penso alla mia adolescenza provo malinconia. Mi fa tenerezza quella bambina a cui la gente ha dato mille nomignoli, ma se potessi, da fuori, cambiarle la vita, credo che non lo farei.

Oggi quella bambina paffuta è una donna, curvy, per alcuni grassa, ma sono una donna libera, senza etichette che per anni ho sentito, lontana dalla paura del giudizio e del pregiudizio. Sono una donna che ama il suo corpo, lo vive con serenita, lo accetta e non lo odia piu.

 

Sopratutto ad oggi io conosco il mio corpo.

La chiave per arrivare ad amarsi  è solo la serenità.

La serenita di guardarsi allo specchio e scoprirsi piacevoli, armoniose, belle.

È per questo che finche potro urlerò a tutte le persone che soffrono per il loro aspetto fisico, che stanno perdendo solo tempo, che si pentiranno perché La vita è meravigliosa, anche se pesi piu del tuo ragazzo, o di tuo padre.

Un giorno scopri che puoi essere sensuale, sexy, provocante anche senza indossare una 40.

Indosserai il vestito piu bello, anche quello corto che fa intravedere la coscia grossa, metterai il rossetto piu rosso e uscirai a testa alta, camminerai fiera, dritta, orgogliosa della donna sei e anche delle tue forme.

Ed è questa la vincita migliore che in 26 anni potessi fare: TROVARE LA SERENITÀ ed è quello che auguro a chiunque stia attraversando l’inferno che ho vissuto per troppi anni.

Quella bambina alta e grossa che si vergognava ad uscire e ad andare a mare la porterò sempre dentro di me. Le sue paure rimarranno, la sua sensibilità non cambierà, ma cambia il modo in cui affronto la vita.

Conservo con fierezza quella sofferenza, perché senza, oggi, probabilmente non sarei la Lucrezia che sono e non avrei la forza che ho nell’affrontare la mia meravigliosa vita.>>

Orgogliosa di te Lucrezia Staiano!

 

Veronica Perez sarà la prima Modella Curvy di colore in Italia.

Veronica Perez, la curvy dell’Avana alla Body Positive Catwalk

Buongiorno!

Continuano le storie delle Wonder Woman che hanno partecipato alla Body Positive Catwalk, l’evento no-profit che ho organizzato in piena Milano Fashion Week lo scorso 25.02.18 per dimostrare alle donne che possono sentirsi bene nel proprio corpo e diventare chi desiderano senza farsi ostacolare dal proprio peso.

La bellezza non ha taglie! Non importa se sei alta o bassa, magra o grassa; se ti sentì bella e accetti te stessa imparando ad amarti anche il mondo ti accetterà e ti amerà!

Ho conosciuto Veronica Perez tramite la nostra amica in comune Greta Galassi, la quale ha vinto il titolo di Miss Mondo Italia nel 2015, andando poi a concorrere per il titolo mondiale di Miss World per ben un mese in un isola della Cina, esperienze che segnano la vita. Puoi vedere l’intervista che le feci a Gallipoli cliccando qui —>Greta, che cos’è per te la bellezza?

Torniamo ora alla nostra eroina del giorno, Veronica Perez, la quale con il suo sorriso contagioso e le sue prorompenti curve per 173 cm di altezza, 106 cm di seno, 90 cm di vita e 116 di bacino, la sta per diventare la prima modella Curvy di colore in Italia!

 

<<Mi chiamo Veronica Perez ho 22 anni e sono nata il 25/07/95 a l’Avana, Cuba.

Sono arrivata in Italia all’età di 5 anni e per tutto questo tempo ho fatto un po’ avanti e indietro tra Cuba e l’Italia, anche se già da 6 anni sono fissa a Milano.

La mia vocazione per il mondo della moda e il mio interesse per fare la modella non sono fattori recenti , in effetti risalgono al momento nel quale mi hanno scattato le foto per il Quinceañera (tradizione latinoamericana) ossia quando ho compiuto 15 anni. Ho capito che era quello che volevo fare. Inizialmente essendo piccola il mio interesse per questo mondo era a puro scopo personale e ricreativo. Oggi invece posso dire che non è così, non voglio farlo solo per me stessa, ma per tutte quelle ragazze e donne che soffrono ogni giorno perché non si accettano come sono. Io ho sempre avuto problemi con il peso , anche se la sicurezza in me stessa non mi è mai e dico mai mancata, ma per fare ciò che volevo purtroppo pesavo troppo.

Non sono mai stata magra, ma dal 2012 a circa un anno fa ingrassai circa 30 chili , arrivando a pesare 110 chili. Purtroppo la solitudine di Milano e il fatto di avere tutti i miei cari a Cuba influenzava il mio umore è tendevo a rifugiarmi nel cibo. Pensavo che non sarei mai riuscita a perdere peso, o addirittura ad essere quello che volevo nella vita. Poi mi accorsi che il mondo della moda si stava aprendo alle modelle Curvy e capì di potercela fare.

Ho deciso di perdere peso. Non per diventare modella, ma per me, per la mia salute fisica e mentale. Iniziai a mangiare meglio e muovermi di più, la mia vita cambiò.

Attualmente peso 85 chili, sono soddisfatta, felice con me stessa e finalmente potrò avere la possibilità di fare ciò che mi piace.

Con la BodyPositiveCatwalk mi si è aperto un mondo , non avevo mai partecipato a nulla del genere ma è stata una esperienza che non dimenticherò mai.

Il messaggio era forte e chiaro, la bellezza non ha taglie e non importa se sei alta o bassa, magra o grassa, la tua taglia, smagliature o cellulite, se ti sentì bella e accetti te stessa ed se impari ad amarti, anche il mondo ti accetterà e ti amerà>>

 

Grazie Veronica!

 

Jessica Cortina, tg 38 troppo grassa per fare la modella e lei spacca diventando Jay C Dj 😌

Oggi si racconta per la rubrica WONDER WOMAN Jessica Cortina, aka Jay C, la Dj milanese che ho conosciuto a Mykonos questa estate e che Domenica 25 Febbraio 2018 si è unita alla Body Positive Catwalk per dimostrare che tutte le donne sono belle e non devono farsi ossessionare dal peso per guadagnare il proprio posto nel mondo!

Farmi ossessionare dal peso è proprio quello che ho fatto io molte volte, anche da ben più magra di come sono adesso, pensando che da “grassa” nemmeno volevo provare a fare le cose, prima sarei dimagrita, poi ci sarebbe stato tutto il resto, ho persino rinunciato a lavori per non farmi fotografare come non volevo= non ho ottenuto nulla, ho sprecato del tempo prezioso e rischiavo di autoeliminarmi sia lavorativamente che come individuo!

Invece se prendi coscienza di te puoi tutto, nulla più è impossibile, anche trovare il tuo equilibrio!

Jessica Cortina, la nostra Jay C é un perfetto esempio di consapevolezza: nella sua 38 di taglia per 175 cm di altezza si è sentita chiamare “troppo grassa”. Questo è successo nelle agenzie di Moda per cui qualcosa non andava mai bene, tra cui il suo peso, ma lei é una donna forte e non ha cercato di cambiarsi, ma ha cambiato ciò a cui si dedicava.

Troppa negatività per lavorare come modella? Perfetto mi impegno a diventare Dj, nel caso di Jay C!

E così potremmo fare anche noi, stiamo ricevendo troppa negatività cercando di fare tale cosa? Forse è il caso di spostare le nostre energie su altro, abbattendo i canoni e scoprendo i nostri nuovi orizzonti.

Ho coinvolto Jay C ed altre ragazze skinny perché ci tenevo molto che la Body Positive Catwalk non fosse un evento solo Curvy. Certo in Italia più che mai questo settore ha ancora bisogno di voce, ma non per questo voglio trasmettere che la bellezza è solo formosa.

Per me la bellezza sta nell’equilibrio di ognuno, nell’armonia che riesce a trovare e ricreare nella sua figura, nel fare il massimo per migliorarsi, che sia in ambito formativo, fisico o mentale, ma imparando ad apprezzarsi e rispettarsi senza più cadere vittima di dannose ossessioni e questo vale per uomini e donne in qualsiasi taglia 🌈

Nelle prossime righe Jay C si racconta:

<<Mi chiamo Jessica Cortina, sono di Milano e ho 25 anni.

Mi sono affacciata in giovanissima età al mondo dello spettacolo come modella, ma le mie più grandi passioni sono sempre state la musica e il canto.

Due anni fa ho iniziato a lavorare in discoteca come Dj, per poi entrare a far parte del mondo della produzione musicale in qualità di cantante. Il mio primo singolo, intitolato “Non PreoccuParty”, prodotto da Paolo Ortelli e Dj Matrix, ha dato vita ad un format musicale, che ci vede impegnati ogni fine settimana in svariate discoteche della penisola.

Mi capita spesso di avere rapporti lavorativi con altre ragazze. È una cosa che mi piace tantissimo, in quanto possono nascere grandi idee quando uniamo le forze!

Sono dalla parte e a sostegno delle donne, contro ogni abuso, violenza di qualsiasi genere ed emarginazione.

Sono isritta ad un importante associazione contro la Violenza Sulle Donne e, quando Laura mi ha chiesto di partecipare alla sua bellissima iniziativa #BodyPositiveCatwalk , sono stata felicissima e senza pensare ho risposto “Si”. Uso l’espressione “senza pensare”, perché l’entusiasmo mi ha fatto dimenticare che in questi giorni a Milano c’è un freddo siberiano e spogliarsi all’aperto non è del tutto consigliato 🙂

Ho conosciuto Laura la scorsa estate e credo sia meraviglioso il suo percorso. È un incredibile esempio da seguire: accettare il proprio corpo, esibirlo nonostante non corrisponda agli stereotipi della moda ed arrivare a raggiungere tutti gli obiettivi prefissati, con grandi risultati, riuscendo a trasmettere la propria positività e il proprio “credo” ad altre ragazze, facendole sentire bene, dando loro la possibilità di confrontarsi con altre persone e superando insieme le difficoltà, merita un applauso.

All’età di 18 anni ho deciso di abbandonare definitivamente la moda, perché più di una volta mi sono sentita dire che il mio fisico, troppo muscoloso, non era adatto alle passerelle, che dovevo dimagrire!

La mia altezza é di 1.75 per 56 kg di peso.

Dimagrire avrebbe voluto dire andare incontro all’anoressia!!

Per fortuna ho un carattere molto focoso, sono una ribelle e, all’ennesimo “Non vai bene” ho deciso che la musica sarebbe stato il mio percorso artistico, come in realtà avevo sempre sognato e la moda sarebbe diventata solo un semplice divertimento!

Penso che nel 2018 questi preconcetti debbano cessare di esistere e il modo migliore per far sì che accada, sia fare rumore tutte insieme, come abbiamo fatto in Piazza del Duomo!

Per questo sono stata felicissima di partecipare all’evento e supportare Laura e le ragazze.

Tutte abbiamo dei difetti, nessuna é perfetta e ognuna deve essere libera di vivere come meglio crede, avendo però cura del proprio benessere fisico e della propria salute!

Non importa quante smagliature hai sul tuo corpo, nemmeno se alla gente non piacciono alcuni tuoi particolari fisici, l’importante é Sentirsi bene con sé stessi.

Da una Famosissima Cit. “ABBI CURA DI SPLENDERE. Abbi cura di rendere la tua vita il tuo capolavoro, invece di dedicare tempo a preoccuparti, a prevedere, a parare i colpi, ad adeguarti a quanto già trovi sulla tua strada…Abbi cura di splendere! ” ❤️

Complimenti ancora Laura per l’emozionante giornata e per il messaggio che trasmetti e complimenti a tutte le coraggiose Ragazze!>>

Grazie a te Jay C di esserti messa in gioco ancora una volta!

Un abbraccio enorme!

La modella curvy Dany Rocchi vola a Milano per la Body Positive Catwalk

Dany Rocchi è la modella curvy italo-messicana arrivata a Milano da Parigi, dove ora vive, per partecipare alla Body Positive Catwalk.

“Sono convinta che tutti siamo unici e belli, per questo sono decisa a far parte della rivoluzione internazionale degli stereotipi di bellezza”

Dany Rocchi ha creato e sviluppato la campagna Abrazando mi belleza (abbracciando la mia bellezza) dove ha impartito workshops di make up e amor proprio a donne con disturbi alimentari, sostenuta dalla fondazione messicana Ellen West e le marche di cosmetici ELF, LINE2U e Uskanga kin. Dany ti invita a utilizzare l’hashtag #ihugmybeuty per condividere le tue foto e diffondere l’amore per noi stessi e per gli altri.

 

“No hay nada más bello que creer en tu propia fuerza y en tu propia belleza, acepta y ama tus diferencias, éstas te hacen único y especial, encuéntralas y enamórate de ti”.

“Non c’è niente di più bello che credere nella tua propria forza e nella tua bellezza, accetta e ama le tue differenze, queste ti fanno unico e speciale, trovale e innamorati di te”.

 

Dany Rocchy in Messico è rappresentata dall’agenzia Queta Rojas Modelos, a Parigi da Models.fr ed in Germania da Brigitte Models, la mia stessa agenzia.

Come modella, Dany ha lavorato con brand come Andrea, Pakar, Suburbia, I Love Curvy, Ilusión, Rinna Bruni, Hanes, Privalia, Xtream Power Belt, e altre ancora. Ha partecipato in una stagione a Desafío Fashionista del canale Discovery H&H Latam, valorizzando la donna formosa e con le curve. Ha partecipato in movimenti sull’amor proprio e body positive come Yo soy más que un cuerpo (Io sono più che un corpo)

 

La sua passione per il make up l’ha portata a lavorare con personalità come Belinda, Carla Medina, Abraham Levy e il fotografo di moda Christophe Von Hohenberg. È specializzata in make up artist e trucco sposa.

 

Per la sua esperienza nell’industria, è diventata una Beauty Coach, permettendole di incoraggiare l’amor proprio sia negli uomini che nelle donne. Ha collaborato in progetti digitali con ActitudFem de Excélsior, Claseln di El Universal, Espacio Curvy e attualmente è l’editore dei consigli di bellezza del sito web di Derma, grazie a questo Dany ha partecipato nella nuova stagione del programma No te lo pongas 2018 di Discovery Chanel cambiando il make-up delle partecipanti.

 

 

Dany Rocchi è una donna in continua evoluzione che si impegna attivamente per stare bene con se stessa e far star bene anche gli altri, creando un’onda di energia positiva ed entusiasmo che sono stati essenziali anche alla realizzazione della Body Positive Catwalk, Dany infatti ha da subito deciso di partecipare di sua iniziativa e si è persino spostata a sue spese essendo questo un progetto no-profit.

 

Grazie Dani!

Un abbraccio, Laura

 

 

 

 

Fabiola Cacciatore “dopo l’anoressia mi amo e lavoro come modella curvy”

Fabiola Cacciatore è una collega ed amica, modella curvy italiana con cui lavoro ben otto anni.

Ha accettato con entusiasmo di partecipare al progetto della @BodyPositiveCatwalk quando gliel’ ho accennato per la prima volta un mese fa mentre sfilavamo insieme per Marina Rinaldi, brand che ci riunisce in diverse occasioni come nella giornata antecedente il flash mob presso lo store di Milano.

Fabiola Cacciatore nella sua taglia 46 e con le sue sinuose forme 95, 73, 103rappresenta l’armonia di una donna di 175 cm ben proporzionata, sana e normopeso, eppure come ci racconta nel passato non è stato per nulla facile trovare l’equilibrio:

<<Quando ero piccina(10 anni) ero “l’elefantessa” della classe, nonostante questo ero una bimba felice, ma poi ho iniziato a capire le risate dei bambini, le parole dei grandi, le subrette mezze nude e il perché ai saggi di danza ero sempre in ultima fila ben nascosta.

Quindi ho iniziato a mangiare meno e a fare qualche esercizio (per quello che una bambina di 11 anni può sapere e conoscere) a suon di musica di Alex britti.

Ho perso circa 20 kg in un anno e crescendo ho iniziato a notare che se sei magra sei più apprezzata e meno criticata. Stavo entrando lentamente in una sfera psicologica pericolosa. Colpo di grazia: a 16 anni è arrivata, più spietata che mai l’ANORESSIA e dopo di lei la BULIMIA. Ero una 38/40, ma per le agenzie ero “troppo muscolosa, non esagerare con il nuoto tesoro”, neanche 38 soda andavo bene.

Sono passata da CICCIONA ELEFENTESSA a TROPPO MAGRA a TROPPO MUSCOLOSA, ho capito una cosa, le persone avranno sempre da ridire.

Estate 2006 AMENORREA. Quella che ho creduto la mia nemica numero 1 si è rivelata un urlo di aiuto che mi ha portato a fare cure pesanti e quindi ad appesantirmi. Sfiorando quasi gli 80 kg nel giro di un mese. Così ho iniziato a lasciarmi scivolare addosso le critiche, a svegliarmi prima la mattina, fare attività fisica e mangiare quando voglio, come voglio, con buon senso.

Mai più dirò no ad un dolce se lo voglio, a meno che non ne abbia già mangiato uno prima. So limitarmi, contenermi e soddisfarmi quando voglio.

“La ciccia” mi ha portato a guadagnare i miei primi veri soldi come modella, senza mai scendere a compromessi.

Ho fatto dello sport un lavoro  e sto studiando per realizzare un sogno: essere un esempio di healthy fitness e Curvy Model, trasmettendo che posso essere sana anche senza ricercare la magrezza ossessiva e lavorare come modella curvy anche se ho la passione per l’attività fisica! Forse è anche per questo che sono stata testimonial dell’Acqua Vitasnella. Non ho muscoli da uomo, ma nemmeno il ventre rilassato di chi non si allena. E se esagero a tavola ogni tanto, più esercizio alla prossima seduta 😉

Il giusto equilibrio porta al benessere fisico e mentale.

Sacrificio si, ma compensato da soddisfazione.

Conosco Laura da quasi otto anni e fatemelo dire… Lavorare con lei è sempre un grande onore. L’ho vista crescere e realizzare un vero e proprio sogno: sentirsi bene con se stessi e lasciar parlare, nel bene e nel male, chi ha da dire qualcosa; trasformando le critiche in consigli e i complimenti in sorrisi. ♥️

Domenica mattina abbiamo spalleggiato un evento total curvy che sembrava essere lontano, quasi quanto lo è l’*America* con i numerosi eventi dedicati alle donne #plussize . Non si tratta di W la ciccia bensì W le donne che sanno accettarsi e apprezzarsi! Donne, ma anche uomini perché no?!?! Esistono così tante persone, così tanti corpi, patologie, sconfitte, piccole vittorie e momenti altalenanti nella vita della gente che davvero fanno dire “grazie a me, solo a me”… Quindi grazie @lovecurvy__laurabrioschi per aver portato in Italia questa ondata di #bodypositive

Infine un grazie a tutte le splendide ragazze che hanno partecipato e che, nonostante la temperatura (0 gradi con fiocchi di neve qua e là), hanno avuto il coraggio di mostrare il proprio corpo sorridendo e divertendosi, mostrandosi semplicemente belle e (passatemela) con le cosiddette _______ quadrate!>>

Queste le parole della bella Fabiola Cacciatore.

Non vedo l’ora che tu segua i miei consigli creando una pagina instagram di Curvy Model & Healthy Fitness per supportarti e seguirti sempre più!

Un abbraccioooooooo!

Fabiana Pastorino 184 centimetri di bellezza

Fabiana Pastorino è la prossima WONDER WOMAN di cui vi racconto, che ha partecipato Domenica 25 alla @BodyPositiveCatwalk , non che una delle mie migliori amiche!

Per me lei è il mio “Guru della Positività” e questo non perchè sia sempre felice, ma ci prova ed ha sempre una parola per tirarti su il morale quando pensi che le cose non vadano o che non ce la puoi fare.

E’ decisamente la persona di cui sento il bisogno nella mia vita e con cui ho passato delle splendide avventure, è come se fosse la mia sorellina!

Fabiana Pastorino, 22 anni, di Genova, capelli riccissimi e 184 cm di pura bellezza.

L’ho conosciuta alla prima selezione dell’anno di Miss Italia a Febbraio 2016, la sua energia si era distinta già in quelle poche ore, ma non ci siamo più viste dato che io deciso che non avrei partecipato al concorso per concentrarmi su altro (che è riuscito molto bene) ed era inoltre giusto far partecipare a questo progetto dei volti nuovi che devono farsi conoscere. Infatti a Settembre di quello stesso anno Fabiana Pastorino vinse Miss Italia Curvy e Paola Torrente (altra nostra cara amica che non è potuta essere a Milano per l’evento) è arrivata seconda al titolo Nazionale.

Ci siamo poi ritrovate a Novembre al casting per “Avanti un Altro” dove per qualche motivo stavano pensando di scegliermi come come BONAS e dove lei ha raccontato delle barzellette atroci e bellissime allo stesso tempo.

Da li non l’ho più lasciata, abbiamo persino attraversato l’Italia, insieme all’altra che mi ha seguito anche in questa avventura, Ottavia Caserza – fate un salto a Campomarino al Paradise Beach se vi capita e godetevi questo paradiso!

Veniamo ora a Fabiana Pastorino, alla sua storia ed al perchè è base portante della @bodypositivecatwalk

Ce lo raccontata direttamente lei:

<< Da quando ho 14 anni, sono così come mi vedete ora. 184 cm di ragazza per 72 kg.

Possono non sembrare troppi, eppure durante l’infanzia ed ancora più durante l’adolescenza non mi è stato facile accettarmi e volermi bene.  Mi sono fatta mille problemi sulla mia fisicità, sulla mia altezza, sulla mia pancetta che ho provato ad eliminare in tutti i modi dai più estremi (privandomi del cibo sino a quasi ammalarmi), ai più sani (addominali). Odiavo quella pancia ogni giorno di più. L’estate la passavo in spiaggia – vengo dalla Puglia e tutte le estati andiamo a Campomarino dove mia zia ha lo splendido stabilimento Balneare “Paradise Beach”- e mi vergognavo da morire, anche se ero a casa mi sentivo male. Anno dopo anno passavo le mie estati con le mani conserte a cercare di coprire quella maledetta pancia che le mie coetanee non avevamo. “Non mangerai anche quello”, mi sentivo ripetere. Pensate che al mio primo ragazzo ho impedito per ben due anni di farmi il solletico, guardarmi o toccarmi quella pancia che tanto mi faceva essere diversa da quel modello che tutti chiamano bellezza.

Ho sprecato un sacco di tempo ed ho privato la mia pancina di tante gioie.

L’imput per volermi bene l’ho avuto dopo una delusione d’amore, in quel momento ho deciso di ripartire da me, conoscendo persone meravigliose (come te patata) che mi hanno trasmesso tanta fiducia e amore.

Adesso eccomi qua, Domenica ero in mezzo a delle GUERRIERE esposta agli occhi di una delle piazze più importanti d’Italia, in completo intimo e soprattutto senza braccia conserte a voler nascondere qualcosa!

L’esperienza della @BodyPositiveCatwalk è stata meravigliosa. Tutte le persone che hanno partecipato mi hanno trasmesso un coraggio e una gioia di vivere mai provata prima!

Il mio obbiettivo ad ora è guadagnarmi l’indipendenza, studio per diventare una maestra, sto raggiungendo i primi traguardi su instagram dove sono arrivata a 30K e ogni tanto lavoro come modella curvy, il che mi rende molto felice.

La strada per l’accettazione è lunga e tortuosa, ma si può raggiungere l’equilibrio. Ad oggi non mi privo di niente ed adoro cucinare, ma non mi faccio mai mancare gli allenamenti in palestra con la super Fabiola Cuni, che come potete vedere nelle mie stories, mi fa diventare più forte ogni giorno!>>

Grazie Amor di esserci sempre!!!

   

Federica Curreli, modella senza mano alla #bodypositivecatwalk

https://lovecurvy.com/body-positive-catwalk-duomo-milano/

“Sono una normale ragazza di 17 anni, mi manca solo una mano”

Federica Curreli è la prima WONDER WOMAN di cui vi racconto tra coloro che hanno superato i propri timori per far parte della #BodyPositiveCatwalk!

“Ho perso 20 kg negli ultimi due anni, sono arrivata anche ad essere sottopeso per l’ossessione di dimagrire, ma ora mi sto impegnando a mantenere il giusto equilibrio”.

 

Federica è una giovanissima studentessa di Bra, la cittadina con cui vivo ora insieme a Paolo, il mio compagno. Proprio lui l’ha reclutata per questa iniziativa, in palestra, dove Federica lavora su se stessa ogni giorno. Avevo appena pubblicato il post “ WARRIORS SEARCH” in cui ricercavo delle donne guerriere, forti, con una storia da raccontare e qualcosa di positivo da trasmettere e Paolo mi dice “amore, io una ragazza la conosco”-

Così incontro Federica, davanti ad un bel caffè con Nutella ed alla sua bella mamma e mi faccio raccontare qualcosa di lei:

“Essere senza una mano negli ultimi anni mi ha fatto davvero soffrire, non sostenevo gli sguardi di chi mi guardava male, mi sentivo inadeguata, sbagliata.” 

Mi racconta che il momento peggiore lo ha passato durante la scuola media quando tutti i suoi compagni la evitavano e non creavano nessun tipo di approccio con lei come se fosse contagiosa e aggiunge “sono nata con tutti i valori regolari, ero solamente senza mano”…ride 🤚 😂”il mio problema dicono sia avvenuto già alla terza settimana dovuto a un blocco circolatorio che non ha sviluppato l’arto , ma sono sana come un pesce ed anche forte aggiungerei, con tutta la palestra che faccio ;)”

 

Quando le spiego come si sarebbe svolto il flash mob, ovvero in costume o intimo nero basico mi è sbiancata. Mi confessa “Sono tre anni che non mi metto in costume, mi vergogno del mio corpo. Ho lavorato tanto per ottenere questo corpo, ma i segni del dimagrimento si vedono e non so se me la sento”

 

Devo ammettere che mi ha colpito sentire che una ragazza che era riuscita ad accettare il fatto di avere una sola mano, non accettava le smagliature, ma mi sono ricordata molto in fretta del senso di inadeguatezza che possono dare, quando per tanto tempo ti sei sentita sbagliata per il tuo peso e ci vuole tempo per cambiare punto di vista.

 

Le chiedo allora qual’è stato il momento in cui la sua vita ha avuto una svolta, in cui ha deciso di accettare di essere senza una mano e non soffrire più per gli sguardi altrui “E’ stato un ragazzo a far crescere la fiducia in me, mi ha trattata come una principessa, non importava della mia mano o del mio peso, così ho capito che potevo vedere anche io quel che vedeva lui e poi…leggere il libro di Bebe Vio mi ha cambiato la vita, ora VIVO!”

 

In quello stesso momento il suo sguardo si accende “io voglio fare lo stesso, nel mio piccolo desidero poter aiutare chi si sente in difetto, magari per una mancanza fisica come la mia e dirgli EHI, TU PUOI FARE TUTTO!”

 

Così è stato, Federica ha partecipato alla @BodyPositiveCatwalk ed era bellissima!

Mi confessa di aver pensato di ritirarsi più volte, invece ce l’ha fatta, ha compiuto un’altro passo verso la propria consapevolezza ed io sono enormemente fiera di questa ragazza.

 

“Mi sento fortunata…anche grazie a te che mi hai cercata e hai creduto in me e grazie ai miei genitori che mi hanno sempre sostenuta in tutti i modi…ora la mia autostima sta crescendo sempre di più ❤”

 

Grazie Federica, grazie di aver sorpassato le tue stesse aspettative, sopportato il freddo, affrontato le tue paure, grazie di essere una WONDER WOMAN!

 

Il che mi ricorda molto Wonder, il film che ho visto ieri sera e di cui consiglio la visione a tutti, grandi e bambini.

 

https://lovecurvy.com/body-positive-catwalk-duomo-milano/

 

Seguimi su instagram per altre novità!

@lovecurvy__laurabrioschi

@bodypositivecatwalk

 

Leggi questo altro articolo se vuoi sapere di più su questo nobile evento

–> https://lovecurvy.com/body-positive-catwalk-duomo-milano/

Valentina Rota la bellissima modella con sindrome di Down sfila alla #BodyPositiveCatwalk

Valentina Rota è modella con sindrome di Down

che ha rappresentato l’AIPD alla #BodyPositiveCatwalk.

 

Valentina, 25 anni, è nata con la sindrome di Down e Domenica è stata protagonista insieme alla sottoscritta ed altre venti WARRIORS del Flash Mob @BodyPositiveCatwalk svoltosi in Duomo a Milano. Qui ci siamo “Spogliate dai Pregiudizi”, per dimostrare che tutte le donne, di ogni altezza o taglia possono sentirsi bene nella propria pelle e creare qualcosa di straordinario della propria vita. Questo è quello Valentina fa ogni giorno, lei è la nostra WONDER WOMAN.

 

Ho conosciuto Valentina contattando l’AIPD Associazione Italiana Persone Down con sede a Roma e successivamente la sede di Bergamo. A loro ho presentato il progetto di quello che stavo organizzando per Domenica 25 Febbraio in Piazza Duomo, ovvero raggruppare un gruppo di Donne Guerriere che si mettessero in gioco per dimostrare che la bellezza ha diverse sfaccettature.

Entro poche ore mi hanno fatto sapere che potevano presentarmi la ragazza perfetta, che sarebbe stata la portavoce della loro associazione diventando la modella con sindrome di Down per la @BodyPositiveCatwalk .

 

Si tratta di Valentina Rota, che come mi racconta la sua meravigliosa mamma, Orietta“Già nel pancione era una guerriera”. A 12 settimane Orietta ebbe una minaccia d’aborto che la costrinse a riposo per tutta la gravidanza. Quando Valentina nacque la ricoverarono subito in patologia neonatale a causa di una grave cardiopatia associata alla sindrome di Down.

Restò in ospedale per un mese prima di poterla portare a casa. Venne operata a 4 mesi e rimase in cardiochirurgia un altro mese, così per i primi tre anni di vita.

Sono le patologie mediche correlate alla sindrome di Down il problema, infatti oltre alla cardiopatia Valentina soffre di un deficit immunitario, ipotiroidismo, bronchiti e broncopolmoniti, laringospasmo, problemi ortopedici, visivi e scheletrico-muscolari e proprio a causa di ciò non si è potuta spogliare Domenica in Duomo, il freddo le avrebbe fatto troppo male.

A soli sette mesi inizia con la fisioterapia per contrastare l’ipotonia muscolare e poco dopo con la terapia psicomotricita e logopedica. Oltre alle classiche tecniche di riabilitazione, Orietta, decide di farle frequentare privatamente: acquaticità, musicoterapia, ippoterapia e visti i risultati è stata un’ottima idea!

Infatti noi ora capisco perchè Valentina ha un fisico pazzesco e muscloso, pritica tantissimo sport: nuoto a livello agonistico, judo e danza da ben cinque anni grazie ad una cara amica che l’accoglie nella sua scuola senza problemi.

Il nuoto, iniziato a 11 mesi, resta lo sport per eccellenza. Da tre anni milita nei promozionali della Phb (Polisportiva Handicap Bergamasca Onlus) partecipando al circuito Fisdir (Federazione Italiana Sport Disabili Intellettivi Relazionali) a livello nazionale. Ha partecipato alle Nazionali di Poggibonsi nel 2016, di Portici nel 2017 e quest’anno durante il mese di Maggio sarà a Salerno. Nell’Agosto scorso si è cimentata pure nel nuoto sincronizzato, con la società Bergamo tuffi.

Dal 2006 frequentata i corsi di AIPD Bergamo Onlus finalizzati all’autonomia personale e sociale.  Attualmente frequenta il corso di “Affettività e Sessualità” in coppia con il suo adorato Nicola.

La sua determinazione la caratterizza in ogni ambito tant’è che anche a scuola ottiene risultati ragguardevoli, conseguendo una valutazione di 87/100 agli esami di maturità.

 

Nel corso degli anni, grazie anche agli “Angeli” che ha incontrato sul suo cammino, Valentina ha vissuto esperienze memorabili: un pomeriggio in uno studio fotografico con Samuele Bersani per realizzare la foto che è stata inserita in un ricettario di AIPD Roma allegato a TV Sorrisi e canzoni. Un tirocinio lavorativo presso i giardini del Quirinale e l’incontro con l’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Ha partecipato a tutte le gite scolastiche comprese Londra e Palermo durate 5 giorni l’una. Valentina ha persino fatto affrontare la paura dei luoghi chiusi a sua madre, Orietta, trascinandola nella grotta Europa in Valle Imagna, attraverso un cunicolo strettissimo lungo 17 metri, lei che non prende nemmeno l’ascensore! Ed ora ha fatto anche questo, è stata la modella con sindrome di Down rappresentante dell’AIPD alla #BodyPositiveCatwalk.

 

Non la ferma nessuno quando si prefigge un obiettivo e vive la sua vita con entusiasmo e tenacia.

Valentina è un’autentica maestra di vita per tutti noi e per coloro che l’hanno conosciuta.

 

“Non posso fare altro che amarla e ringraziare il buon Dio per un dono così grande” dice Orietta, mamma di Valentina ed altre due splendide figlie, moglie attenta e donna tutto fare , anch’essa una super eroina!

 

Ringrazio Valentina per la forza avuta Domenica.  Orietta e la famiglia per essere stati presenti ed aver trovato il tempo di incastrare tutti gli impegni.  Anna Contardi, coordinatrice nazionale dell‘Associazione Italiana Persone Down per aver appoggiato il progetto.  Stefania Roncalli, responsabile dell’area educativa AIPD Bergamo, per avermi fatto da tramite con Valentina e l’energia positiva trasmessami.

 

Ora vi lascio ad alcune splendide foto realizzate da Mattia Abbiati durante la nostra Milano Fashion Week.

 

Un grande Abbraccio,

Laura